Strangola la fidanzata perché voleva lasciarlo

La donna è stata trovata morta nella vasca da bagno.

0
116

SAN SEVERO Roberta Perillo di 32 anni è stata trovata morta nella giornata di ieri, 11 luglio; uccisa dal fidanzato Francesco D’Angelo, 37 anni, che si è costituito.

Sembra lo stesso fatto di cronaca che si ripete spesso, ma nel frattempo sono moltissime le famiglie che piangono la morte delle loro figlie e, madri e sorelle.

Nell’appartamento di via Rodi a San Severo, viveva questa coppia di fidanzati, molto litigiosa. Secondo i primi accertamenti, pare che la donna avesse deciso di troncare questo rapporto proprio per il comportamento dell’uomo.

Ieri, è avvenuto l’ennesimo litigio, poi l’aggressione della donna fino ad arrivare alla morte.

La giovane è stata ritrovata dagli agenti della squadra mobile di Foggia, riversa nella vasca da bagno, con segni evidenti di strangolamento sul collo.

Nei prossimi giorni, si procederà all’autopsia del cadavere, per chiarire la dinamica dei fatti.
L’uomo è stato accompagnato dal padre in Questura, ma in un primo tempo aveva dichiarato di non ricordare nulla e le sue parole sono state molo confuse e ha dichiarato:”Avevo dolore alle mani, credo di averla strangolata”.

L’uomo, apparso poco lucido, ha raccontato della furiosa lite, della fuga della ragazza in bagno e infine dell’aggressione. La ricostruzione dei fatti è al vaglio del Pm Laronga e Marangelli.

Dagli accertamenti, è emerso che l’uomo con problemi psichici, facesse uso di psicofarmaci e aveva minacciato di lanciarsi dal balcone.  Era stata proprio la fidanzata a fermarlo.

L’uomo risulta avere dei precedenti di Polizia, essendo stato denunciato per maltrattamenti sulle donne.

Dalle ultime indiscrezioni al vaglio degli inquirenti, pare che l’uomo in stato confusionale aveva tentato di lanciarsi dal balcone e la fidanzata lo aveva fermato. Poi il vuoto.

Si ritiene che non si tratti di “femminicidio”, bensì in quel momento l’uomo avrebbe aggredito chiunque, a causa della sua mente confusa. Sulla vicenda vige il più stretto riserbo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui