Il mais fa bene alla salute: come e perché mangiare questo cereale privo di glutine

Mangiamo spesso il mais senza conoscere davvero le caratteristiche che rendono questo cereale tanto salutare.

0
66
Il mais fa bene alla salute

Oltre ad avere proprietà benefiche per l’organismo, è naturalmente privo di glutine, il che lo rende un alimento perfetto per la dieta dei celiaci. In secondo luogo, è piccolo ma versatile, perché può essere utilizzato per una moltitudine di ricette diverse dalla polenta ai pop corn. I semi della pianta Zea Mays L. che appartiene alla famiglia delle Graminacee sono parenti stretti di cereali come il frumento, il riso e l’avena. Sono infatti ricchi di amido e molto versatili: a partire dal mais si possono ricavare sia la farina che l’olio, mentre in forma di chicco è strepitoso nelle insalate, come condimento o per preparare i pop corn. Ma ora vediamo di capire meglio quali sono le proprietà di questi chicchi dorati e quali sono i modi migliori per mangiarli.

I benefici del mais per la nostra salute

Le proprietà del mais sono innumerevoli. In primo luogo, questi semi fanno bene al sistema immunitario per via delle loro spiccate caratteristiche anti-infiammatorie. In secondo luogo, il mais giova alla salute delle persone che soffrono di problemi intestinali e di cattiva digestione, oltre che di stipsi, e facilitano la diuresi. Non a caso, il mais viene considerato come uno dei migliori lassativi naturali (comunque blando), nonché come antispastico. Infine, il mais fa bene anche alla pelle, al cervello ed è un alimento fondamentale per chi soffre di celiachia. Per quanto riguarda i diversi tipi di mais che si possono trovare in commercio, ognuno ha caratteristiche proprie e un sapore caratteristico.
Una della varietà più diffuse in Italia è senz’altro quella gialla che risulta facilmente digeribile e apporta una grande quantità di fibre alimentari, oltre ad essere ricca di potassio, ferro e magnesio come si può leggere dalla pagina sul mais dolce dei Fratelli Orsero. Altre varietà interessanti sono il mais rosso e quello bianco, insieme al cosiddetto mais arlecchino, che presenta una pannocchia con chicchi colorati di diverse tonalità. Le fibre in essi contenute svolgono l’importante funzione di regolare l’assorbimento degli zuccheri tenendo sotto controllo la glicemia.

Tutti gli impieghi del mais in cucina

Come anticipato poco sopra, questo cereale è un vero tuttofare in cucina, in quanto si presta a moltissime preparazioni diverse. Per prima cosa, è possibile bollire le pannocchie o cuocerle sulla griglia per sgranocchiare i chicchi direttamente dal loro fusto. In secondo luogo, lo si può utilizzare per accompagnare secondi piatti di carne aggiungendolo a delle insalate fresche e saporite.

Naturalmente i chicchi ci consentono di ottenere i gustosissimi pop corn e possono essere lavorati per ottenere olio o farina. Non dimentichiamoci poi dei tanti impieghi del mais per le ricette dolci, come i muffin e le torte, che possono appunto contare sul gusto delicato di queste piccole gemme. Infine, è utile sapere che il mais si presta a diversi tipi di cottura, ad esempio al vapore oppure in padella, in forno o anche nel microonde.

Si tratta quindi di un alimento davvero completo che dona energia, fa bene, sazia e soddisfa anche il palato dei celiaci grazie a una serie di preparazioni molto gustose.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui