Cosa succede al nostro organismo quando c’è carenza di vitamina B12

La vitamina B12 è fondamentale per la salute del nostro organismo. Le conseguenze, in caso di mancanza, possono essere anche di grave natura.

vitamina b12

La vitamina B12 è fondamentale per lo stato di salute del nostro organismo, perché la vitamina B è alla base della sintesi dell’emoglobina, della produzione di globuli rossi, del trasporto di ossigeno e dell’equilibrio del metabolismo cellulare, agendo di conseguenza anche sul sistema nervoso. Per questo motivo la carenza di vitamina B (12) potrebbe comportare gravi conseguenze che all’inizio potrebbero apparire generiche, a causa di sintomi differenti ed eventualmente riconducibili anche ad altre casistiche, ma che a lungo andare potrebbero risultare più gravi, anche a livello nervoso. La vitamina B12 si trova in certi alimenti e la sua carenza può dunque manifestarsi in persone che seguono regimi alimentari particolari, tra cui i celiachi e i vegetariani e ancor più i vegani.

Sintomi carenza vitamina B12: quali sono i segnali d’allarme

Come abbiamo anticipato, i sintomi della mancanza di vitamina B12 possono essere molteplici, generici e riconducibili anche ad altre cause, ma ci sono dei campanelli d’allarme che non sono da sottovalutare.

  • Stanchezza;
  • Difficoltà respiratoria;
  • Disturbi del sonno;
  • Accelerazione del battito cardiaco;
  • Irritabilità;
  • Tristezza e depressione;
  • Pallore;
  • Lingua gonfia;
  • Formicolii;
  • Perdita di peso;
  • Debole difesa immunitaria.

Una buona parte di questi sintomi sono causati dall’anemia, che è una diretta conseguenza della mancanza di questa vitamina, perché ha a che vedere con la carente produzione di globuli rossi.

Tra i sintomi da non sottovalutare vi sono anche quelli che riguardano i piedi: qui potremo sentire dei formicolii anomali, arrivando a quello ben più marcato ed evidente di non riuscire a sentire il contatto della pianta con il suolo quando poggiamo i piedi a terra. Il fatto che i piedi siano maggiormente colpiti dipende proprio dal fatto che la carente produzione di globuli rossi non consente un trasporto di ossigeno regolarmente omogeneo lungo tutto il corpo e ben che meno alle estremità.

Carenza di vitamina B12 cause

Le cause della mancanza di questa vitamina possono addursi anche a una difficoltà di assorbimento nella giusta quantità. Ciò può avvenire o a causa di una inadeguata alimentazione, oppure a causa di un problema innato nell’assorbimento di questa vitamina, a causa ad esempio dell’assenza della glicoproteina prodotta dalle cellule parietali dello stomaco che hanno come scopo proprio quello di assorbire questo elemento. Il minore assorbimento avviene anche con l’avanzare dell’età, e in particolare dai 50 anni in poi. Patologie come diabete, o altre rare (come la sindrome di Imerslund-Grasbeck) possono essere la causa del minore assorbimento, così come l’assunzione di alcol e nicotina o interventi chirurgici a livello intestinale.

Per quanto riguarda l’alimentazione, a soffrire di più di questa mancanza sono chi soffre di celiachia e i vegetariani o vegani, perché la vitamina B12 si trova in preminenza in alimenti di origine animale.

Mancanza vitamina B12 conseguenze

Le conseguenze di questa carenza possono essere deleterie e svilupparsi anche lungo il sistema nervoso. Le conseguenze più importanti determinano anemia, anemia perniciosa, forte stanchezza, riduzione dei riflessi, abbassamento della pressione sanguigna, problemi neurologici permanenti, infertilità, patologie del cuore e ictus.

Potrebbe interessarti – Quali sono i sintomi della carenza di ferro e quali alimenti contengono questo elemento

Dove si trova la vitamina B12 alimenti

Quali sono gli alimenti che contengono vitamina B12? La vitamina B12 si trova in prevalenza in alimenti di origine animale. È infatti presente nella carne rossa e nelle carni bianche e in importanti quantità nel fegato, così come nelle altre interiora (reni, cuore) e perfino nel cervello. Questa vitamina non manca anche nel pesce e in particolare è presente nei crostacei e nei molluschi, così come in alcuni pesci come tonno e sgombro. Uova e latticini sono altre tipologie di alimenti che contengono la vitamina B12, mentre in quantità minori si trovano anche in legumi (fagioli) e frutta secca.