Home Salute e Benessere Cura della persona Più cammini veloce e meno invecchi: ecco la verità. Incredibile!

Più cammini veloce e meno invecchi: ecco la verità. Incredibile!

Si inizia a parlare in questi giorni di alcuni metodi per invecchiare più lentamente ed oggi andremo a vedere appunto questo argomento legato alla salute del nostro cervello. Diversi studi hanno infatti dimostrato che chi cammina più velocemente può aiutare il cervello a mantenersi giovane ed invecchiare in maniera molto più lenta. Addirittura è stato sottolineato come proprio la nostra andatura, veloce o lenta che sia, possa identificare alcuni segni di declino del nostro cervello già a 45 anni.

Lo studio è stato pubblicato su JAMA Network Open ed è stato condotto da ricercatori che appartengono alla Duke University King’s College di Londra. Con queste ricerche si è puntato proprio a verificare questa ipotesi che la velocità bassa della nostra andatura possa realmente riflettere un invecchiamento biologico. Oltre a questo potrebbe portare ad un cattivo funzionamento neurocognitivo durante l’infanzia ed un declino cognitivo dall’infanzia fino alla mezza età. Da ciò si deduce appunto che camminare in maniera più lenta è indice di un invecchiamento più rapido.

A questo risultato della ricerca si è arrivato dopo aver analizzato i dati raccolti in centinaia di uomini e donne nati tra il 1972 ed il 1973 nella città di Dunedin, in Nuova Zelanda. Per la precisione hanno partecipato 904 uomini e donne che sono stati studiati a partire dalla propria infanzia fino ai 45 anni compiuti. Proprio dalle misurazioni si è notato che, effettivamente, coloro che camminavano in maniera più lenta erano poi gli stessi che mostravano più segni di invecchiamento. Sia dai denti fino ad arrivare al sistema immunitario.

Exit mobile version