Primo trapianto di vertebre umane eseguito in Italia presso il Rizzoli di Bologna

Eseguito presso l'Ospedale Rizzoli di Bologna il primo trapianto di vertebre umane su un paziente affetto da tumore osseo.

0
181
Primo trapianto di vertebre umane eseguito in Italia
Riconoscimento Editoriale: Pagina Facebook / Istituto Ortopedico Rizzoli

SALUTE E BENESSERE – In presenza di un tumore maligno, presso l’Ospedale Rizzoli di Bologna, è stato eseguito per la prima volta in Italia, il primo trapianto di vertebre umane.

L’equipe che ha eseguito l’innesto di vertebre umane, è stata guidata da Alessandro Gasbarrini, direttore della Chirurgia vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo dell’Opedale bolognese.

Questo eccezionale intervento chirurgico che ha salvato la vita ad un paziente di 77 anni, apre una nuova frontiera dell’oncologia.  Fino ad ora, per sostituire delle vertebre, si ricorreva a protesi di carbonio o di titanio, oppure ricostruite con la stampante 3D.

Primo trapianto di vertebre umane eseguito presso l’ospedale Rizzoli di Bologna

Presso il Rizzoli, da moltissimi anni all’avanguardia nel settore ortopedico, per la prima volta al mondo, è stato eseguito un intervento di questo genere. Una parte di colonna vertebrale è stata sostituita con quattro vertebre umane che si trovavano conservate nella Banca del Tessuto Muscolo-scheletrico della regione.

Il paziente in questione è un 77enne colpito da cordoma, una forma tumorale maligna alle ossa. Il 6 settembre scorso, l’equipe del Rizzoli, guidata dal dottor Gasbarrini, ha eseguito l’eccezionale trapianto, che ha permesso al paziente di stare bene e rimettersi completamente.

Nel caso in questione, il paziente di 77 anni era stato colpito dal tumore alle vertebre lombari che sono state rimosse e sostituite con quelle di un donatore.

Il paziente è rimasto in ospedale un mese per essere monitorato e attendere il decorso post operatorio. Poi è stato trasferito al reparto di fisioterapia dove il 77enne è ritornato a camminare.

Il trapianto è stato reso possibile grazie all’esistenza della Banca del Tessuto Muscolo-scheletrico. Fondata nel 1962 e riconosciuta dalla Regione Emilia Romagna. E’ una struttura d’eccellenza. Va a supportare gli interventi di ortopedia, di neurochirurgia, gli interventi maxillo-facciali, l’odontostomatologia e la microchirurgia otorinolaringoiatrica.

La sua esistenza è molto preziosa poiché è specializzata nella realizzazione di tessuti umani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui