Home Turismo Castellaneta. Uno scenario mozzafiato nella maestosità della gravina

Castellaneta. Uno scenario mozzafiato nella maestosità della gravina

Il territorio di Castellaneta, chiamata anche città del Mito, si trova nel Parco regionale terra delle Gravine.

E’ caratterizzata da gravine mozzafiato su cui si ergono monumenti risalenti a epoca medievale.
Il monumento più spettacolare è la Cattedrale di S. Nicola, fondata nel XIII secolo. E’ stata ristrutturata più volte, fino al ‘700 che le ha dato l’aspetto attuale.
La facciata è in stile barocco, mentre il campanile risalente al ‘300 ha conservato le caratteristiche del periodo romanico. L’interno della Cattedrale ha tre navate dove sono disposte otto cappelle tra cui quella della SS. Trinità e di S. Nicola; il soffitto a cornici è caratterizzato da numerose tele.

Nel borgo antico si trovano numerosi palazzi signorili, che hanno lasciato l’impronta dell’ avvicendarsi di feudatari su questo territorio. Ricordiamo Palazzo Catalano dalla facciata orientaleggiante, Palazzo Sarapo con il suo portone barocco e i palazzi D’Alagni, Lagroia e Frisini.
Nella Piazza Umberto si trova la Fontana Monumentale e il monumento a Rodolfo Valentino realizzato in maiolica. Nel Museo Che porta il nome del famoso attore ci sono esposte le locandine dei suoi film.

Il territorio di Castellaneta è percorso da numerose gravine, lungo le pareti delle quali vi sono molti insediamenti rupestri. La più maestosa è la Gravina Grande che circonda per tre quarti l’abitato cittadino, con una profondità nel suo punto massimo di ben 145 metri. Qui si trovano vari insediamenti storico-archeologici.

Nella Gravina del Coriglione si trova l’insediamento rupestre di Santa Maria di Costantinopoli e la sua chiesa formata di tre navate con i pilastri di tufo. Nicchie dove si scorgono i resti di affreschi.

All’interno della Gravina di Santo Stefano, vi è un villaggio rupestre e le cripte di Santo Stefano e di San Michele Arcangelo, ben affrescate e con graffiti raffiguranti animali.

Ricordiamo anche la Gravina del Porto dove vi è la presenza di Dolmen e le Gravine di Montecamplo, un tempo utilizzate come riparo dei briganti.

Diversa come aspetto è Castellaneta Marina immersa nel Bosco Pineto e giunge fino alla spiaggia di sabbia per arrivare al mare dai bassi fondali. Questo è un luogo ideale dove trascorrere del tempo per rilassarsi.

 

 

Exit mobile version