Questo castello si presenta con una pianta quadrangolare e un cortile centrale molto vasto, questo arriva ad occupare l’angolo dell’isola che anticipa l’arrivo al ponte girevole. Ma come nasce il castello aragonese e quando visitarlo?

Storia del Castello Aragonese

La storia del Castello Aragonese inizia nel 780 dopo Cristo quando i Bizantini scelsero di avviare la costruzione di una Rocca a protezione dagli attacchi che arrivavano contro di loro dalla Repubblica di Venezia e dai Saraceni. La fortificazione realizzata dai Bizantini inizialmente presentava una fortificazione costituita da delle torri strette ed alte, da queste era possibile combattere contro le possibili invasioni con frecce, lance, pietre e anche olio bollente.

Nel 1481 venne realizzato il canale navigabile, che si presentava inizialmente con delle sponde irregolari e strette rispetto a quelle attuali. Nel 1486, Ferdinando I di Napoli scelse d’incaricare l’ingegnere e architetto militare Francesco Martini di Giorgio dell’ampliamento del castello. Fu proprio lui a conferirgli la struttura attuale con delle torri concepite per una difesa piombante. 

Infatti, in queste torri si dovevano porre i nuovi cannoni, per inserirli era necessario creare delle torri basse, larghe e di forma circolare in grado di riuscire ad attutire al meglio l’urto dello sparo delle palle di cannone. 

Castello Aragonese: cosa vedere

Il castello Aragonese è una struttura che desta interesse già solo per la sua bellezza architettonica esterna. Al suo interno invece è possibile ammirare diversi ambienti come la riconsacrata cappella di San Leonardo, che prima era stata adibita per vari anni a stalla e anche a corpo di guardia. All’interno è possibile ammirare due lastre addossate alle pareti e realizzate in carparo che rappresentano un guerriero medievale armato e un santo vescovo. Molto interessante anche la stanza che una volta fungeva da sala per le torture, la volta di questa stanza presenta un foro centrale attraverso il quale si potevano propagare e amplificare le urla dei torturati, al fine di intimorire i prigionieri. 

Gli orari per visitare il Castello Aragonese

Per visitare il castello Aragonese è possibile accedere con 9 turni differenti che comprendono anche i giorni festivi. Il primo giorno è alle 9.30 mentre l’ultimo turno è la sera all’1.30. Per prenotare o ottenere informazioni sul castello aragonese puoi chiamare il numero 099/7753438 oppure inviare una mail a infocastelloaragonese@libero.it. Infine, per scoprire di più sulle visite al castello aragonese puoi accedere al sito internet ufficiale: www.castelloaragonesetaranto.com.