Confcommercio Taranto torna sul Distretto del Turismo per promuovere il territorio

Il turismo a Taranto deve ripartire dall'apposito distretto: è il pensiero del Confcommercio Taranto, che rilancia una proposta già esistente.

confcommercio
Riconoscimento editoriale: Pagina Facebook Ufficiale di Confcommercio Taranto

Confcommercio Taranto ha le idee chiare su come rilanciare la promozione del territorio sotto l’aspetto turistico, ovvero attraverso il Distretto del Turismo di Taranto, ente che è stato istituito con apposito decreto ministeriale del Mibact nel 2017 dopo una lunga procedura burocratica, visto che il vero inizio parte nell’aprile del 2016. In quel tempo la locale Confcommercio illustra i risultati non molto incoraggianti sul turismo, proponendo l’avvio della procedura di istituzione del Distretto del Turismo. Il Prefetto Umberto Guidato risponde con interesse e inizia l’iter, che raccoglie attorno a sé sindaci e istituzioni, convocato dal nuovo prefetto Donato Cafagna, fino alla sottoscrizione di un protocollo di intesa.

Confcommercio Taranto ricorda che un Distretto del Turismo esiste già

Dopo un lungo iter burocratico che dura quasi un anno nel 2018 il Distretto del Turismo diventa finalmente realtà, ma ora serve una base solida per andare avanti. Viene dunque nominata una struttura di coordinamento, ma non basta perché il Distretto non parte.

Potrebbe interessarti – Wonder Ginosa: ecco il marketing turistico con il patrocinio di Pugliapromozione

Ora l’idea viene rilanciata dal prefetto Demetrio Martino, su stimolo di Confindustria, ma Confcommercio Taranto ricorda in un comunicato che quel Distretto esiste già, pertanto l’associazione ritiene “vada riaperto e allargato il confronto tra le parti, comprese le rappresentanze delle imprese, e che vada coinvolto nuovamente il territorio”, proseguendo il lavoro di raccordo tra i soggetti coinvolti per finalizzare un programma incentrato sullo sviluppo turistico del territorio tramite un ente che ha visto l’alba già 4-5 anni fa.