SAVA – Comune della provincia di Taranto caratterizzato da un bellissimo centro storico, Sava offre un magnifico panorama delle Murge ed è nota per il suo ottimo vino primitivo e per il suo olio. Tra i monumenti da vedere non può mancare una visita alla Chiesa dei Santi Medici Cosimo e Damiano, in origine una cappella eretta per volontà di alcuni fedeli e di cui all’interno dell’edificio permangono i pilastri a sostegno di due volte a crociera. Sull’altare maggiore è collocato un Crocifisso ligneo del 1955, ed accanto vi sono i simulacri del Sacro Cuore e dei Santi Medici, statue in legno realizzate da una scuola d’arte veneziana. Sulla destra vicino all’ingresso vi è il sepolcro di Don Salvatore Caforio.

Edifici religiosi di Sava

UN altro edificio religioso da non perdere è la Chiesa Madre di Sava, dedicata a San Giovanni Battista, edificata a cavallo fra il XVI ed il XVII secolo. La facciata in stile neoclassico attuale è il frutto di un restauro effettuato alla fine del XIX secolo, mentre il campanile è in stile tardo-barocco e risale alla fine del settecento. In origine la chiesa era ad un ‘unica navata e poi sono state aggiunte due navate laterali e allungata la navata centrale. Sulla navata laterale di destra si trovano le nicchie dedicate alla Madonna di Pasano e a San Giovanni Battista.

Palazzi storici di Sava

Tra i palazzi storici da visitare a Sava troviamo il Palazzo Baronale, caratterizzato da una pianta quadrangolare, eretto nel XVI secolo come castello e trasformato in palazzo nobiliare nel corso dei secoli. Un altro edificio religioso molto bello è il Santuario della Santissima Vergine del Pasano, costruito nel XVIII secolo per custodire una icona raffigurante la Vergine ritenuta dalla popolazione come miracolosa.