I magici vicoli del borgo antico di Taranto

Nella storica città dei due mari il borgo è caratterizzato da numerosi vicoli che una volta brulicavano di vita. Ecco i magici vicoli del borgo antico di Taranto.

0
546
vicoli del borgo antico di Taranto
Taranto, Apulia, Italy - Middle aged architecture in the old town of Taranto. Riconoscimento editoriale: tagstiles.com - S.Gruene / Shutterstock.com

TARANTO – I vicoli del borgo antico di Taranto costituiscono ancora oggi una delle meraviglie del passato e rappresentano quello che rende questo luogo magico e suggestivo. Come mai questo angolo del tessuto urbanistico della città è stato realizzato proprio in questo modo? E’ stata una necessità oppure sono un’esigenza di carattere urbanistico o architettonico? Guardando indietro, precisamente al 927, periodo in cui la città venne totalmente distrutta dai Saraceni, per molto tempo nulla si fece per la ricostruzione. Tuttavia, attorno all’anno Mille, data temuta da tutti perché doveva avvenire la cosiddetta fine del mondo, qualcuno cominciò a sentir venire dentro la voglia di ricostruire la città.

Costruzione dei vicoli del borgo antico di Taranto

A mandare a Taranto dei tecnici greci per ricostruire la città fu Niceforo Foca. Era il secolo X e iniziò la pianificazione della ricostruzione, che tenne conto delle peculiarità del territorio. Così, venne deciso che l’area dell’antica acropoli doveva essere ampliata verso Mar Piccolo e che l’isola doveva essere protetta dalle invasioni dal mare. Proprio per questo le case dovevano essere edificate quasi addossate l’una all’altra e quindi vennero progettati e costruiti i vicoli. Inizialmente le casette vennero abitate da pescatori ma poi vi si trasferirono negozianti e mercanti e vennero edificati archi e postierle che decoravano i quartieri. Ancora oggi vi sono diversi archi, tra cui Arco S. Giovanni, Arco Madonna del pozzo, Arco del Carmine, ecc.

Affascinanti i vicoli del borgo antico di Taranto

Gli archi venivano denominati dai nomi delle famiglie nobili famiglie dell’aristocrazia tarantina oppure prendevano il nome da effige sacre. Invece, la postierla è una stretta scalinata e collega la parte bassa della città con la parte alta. Alla fine delle postierle si aprivano dei passaggi che portavano al mare. Ad oggi i vicoli del borgo antico di Taranto rimangono uno dei luoghi più suggestivi della città!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui