Home Turismo Maruggio. La Torre dell’Ovo sulla scogliera contro i Saraceni

Maruggio. La Torre dell’Ovo sulla scogliera contro i Saraceni

Edificata nel 1473 nel feudo di Marruggio quando era necessario difendere il territorio dai frequenti attacchi dei Saraceni.

0
1078
Marruggio. La Torre Ovo sulla scogliera contro i Saraceni

In uno scenario suggestivo, tra mare cristallino e terra, sorge la Torre dell’Ovo, conosciuta anche come Torre Ovo. Situata nel comune di Marruggio, a confine con il Comune di Torricella, si erge sopra una scogliera a picco sul mare, per 15 metri, chiamata Monte dell’Ovo.

Si tratta di una torre come se ne costruivano tante a difesa del territorio. La torre di forma tronco-piramidale è a base quadrata. Misura 10,60 metri x 10,80 metri. E’ stata edificata nel 1473 nel feudo di Marruggio quando era necessario difendere il territorio dai frequenti attacchi dei Saraceni. Tempo dopo sono sorte, addossate alla sua struttura originaria, altre tre strutture. La Torre dell’Ovo comunica ad ovest con Torre Canneto, in Marina di Lizzano e ad est con Torre Moline, in Campomarino di Maruggio.

Il mare su cui si affaccia la torre che lo proteggeva dagli dall’arrivo degli attacchi nemici, nasconde sul fondale i segni di un‘attività ittica fiorente. Il pesce che si pescava frequentemente era il tonno, ma con il tempo quest’attività è morta e sotto al mare si trovano ancora le antiche ancore che permettevano alle barche di fermarsi e procedere con la tonnara, gettando le reti.

Nel fondale marino si trovano antichi blocchi megalitici con incise delle scritte greche. Il lavoro straordinario della natura ha creato quella che viene definita la Prateria Pietrificata che si intravede grazie all’acqua cristallina. Si tratta di un insieme di monoliti, molti dei quali in posizione eretta. E’ il risultato di un’opera di resistenza all’erosione di porzioni differenti di roccia sedimentaria. Un tempo, nel fondale sabbioso, vi erano delle gallerie che gli organismi hanno scavato e rimaneggiato nel tempo creando delle vere opere d’arte. Il risultato che appare d’avanti ai nostri occhi è qualcosa di incredibile. E’ un prato di bastoncelli che fanno pensare a una prateria sott’acqua.

Di fronte a tutto questo la Torre dell’Ovo continua a resistere, nonostante le sue condizioni richiederebbero un lavoro di restauro.

 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui