Taranto. Il monumento al Marinaio si erge maestoso

Chi attraversa il Borgo antico di Taranto, scorge da lontano il Monumento al Marinaio, per la sua maestosità. Ci si arriva attraversando il Ponte girevole, sul corso Due Mari, nel Borgo nuovo della città.

Trasmette una forte emozione, osservare questa scultura, ma l’emozione più grande la prova chi arriva dal mare o viceversa chi se ne allontana.

Quest’opera è stata realizzata nel 1974, dallo scultore Vittorio Di Cobertaldo su richiesta dell’Ammiraglio Angelo Iachino, comandante della flotta di stanza a Taranto durante la seconda guerra mondiale.

Egli la volle regalare alla città di Taranto in ricordo dei marinai che avevano perso la vita durante il conflitto mondiale e anche nella famosa “Notte di Taranto”, dell’11 novembre 1940, quando venne bombardata dagli aerosiluri inglesi, una flotta che si trovava ancorata nella rada del Mar Piccolo.

La scultura è maestosa e si estende in altezza per circa sette metri. Raffigura due marinai che tengono nella mano destra il berretto elevato verso l’alto in segno di saluto alle navi e a ogni imbarcazione che solca le acque del canale che collega il Mar Piccolo al Mar Grande.

L’opera è dedicata alla Marina Militare ed è posta su un piedistallo sul quale vi è un’iscrizione:

Ai Marinai delle Forse Navali Italiane. L’Amm. D’Armata A. Iachino. II Guerra Mondiale 1940-43.

Chi arriva in questi luoghi e nota quest’opera, ne resta affascinato. Trasmette un senso di accoglienza e la voglia di integrarsi con gli abitanti del luogo portando qualcosa di sé e prendendo un po’ della cultura di Taranto.

Specie chi ha intrapreso la carriera militare ha bisogno di ricevere ogni giorno il saluto come augurio di un felice viaggio.

L’opera, per la città di Taranto rappresenta un simbolo importante e coloro che passano la sentono come un buon auspicio per il viaggio che dovranno intraprendere.

I due marinai rappresentati nella scultura sono gli amici, coloro che non restano impassibili al passaggio di ogni persona che va e viene, ma trasmettono tanta forza e coraggio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POTREBBE INTERESSARTI
Cambia impostazioni privacy