Trent’anno di grano, evento al Teatro delle Ariette dal 24 al 27 febbraio

Trent’anni di grano racconta le emozioni, la vita quotidiana, il rapporto con la società, con gli animali ecc di una coppia che viva in campagna, alle Ariette, in un podere sulle colline a sud-ovest di Bologna, in Valsamoggia. Sono attori e contadini, coltivano giornalmente la terra da anni e producono il grano che usano per preparare il pane non per venderlo ma per mangiarlo e condividerlo con gli spettatori che prendono parte ai loro spettacoli. Forse anche per questo motivo è stato chiesto loro di creare uno spettacolo per Matera 2019  ispirato ai pani del Mediterraneo.

Trent’anni di grano, diario scritto nell’estate del 2019

Trent’anni di grano, è il frutto del lavoro di scrittura portato a termine da marito e moglie a partire dal 18 giugno fino al 21 settembre. E’ la trentesima estate vissuta alle Ariette. Nel diario raccontano ciò che vivono nel presente, una realtà ricca di contraddizioni e di tutte le intolleranze (non soltanto quelle alimentari). La coppia si sofferma parecchio sul rapporto che ha con la terra, con gli animali, con le piante e con gli uomini. Spiega come ci si approccia alla società attuale.

Come partecipare allo spettacolo

Gli spettacoli della coppia sono inusuali. Quaranta spettatori rimangono seduti intorno ad un grande tavolo basso a forma di U. Gli attori sono al centro, seduti a terra sul pavimento coperto da chicchi di grano. Cucinano, cuociono le tigelle e nel frattempo leggono le parole scritte sul diario. Per prendere parte allo spettacolo si deve acquistare il biglietto che per il posto unico ha un costo di 20€ ed è riservato a 30 spettatori. I biglietti possono essere acquistati online e nei vari punti vendita vivaticket. Si possono acquistare anche al botteghino la sera dello spettacolo dalle ore 18 in poi. E’ obbligatorio prenotare al numero 389 2656069.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POTREBBE INTERESSARTI
Cambia impostazioni privacy