Taranto. Ilva. Occorre una fabbrica che cambi radicalmente sul piano sicurezza e dell’impatto ambientale

Antonio Talò, segretario generale della Uilm, ecco cosa ribadisce dopo il tavolo con i portavoce del Movimento Cinque Stelle.

“I parlamentari presenti hanno confermato che per loro non c’è un progetto che va verso lo spegnimento con interruttore on-off, ma che c’è una presa di coscienza reale, seria, per prendere la questione in mano”
“Abbiamo ribadito quali sono le nostre preoccupazioni, quali sono le nostre condizioni, quelle di avere una fabbrica che deve continuare a marciare. Una fabbrica che cambi radicalmente sul piano della sicurezza e dell’impatto ambientale, mettendo ovviamente al riparo l’occupazione”.
Così interviene con i portavoce del Movimento Cinque Stelle.
Ha spiegato:” Bisogna rivedere il contratto di aggiudicazione mettendo al centro quello che diciamo da sempre. Una fabbrica che non faccia aggiungere il dramma sociale della disoccupazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POTREBBE INTERESSARTI
Cambia impostazioni privacy