Home Casa e Design Utenze Arriva la tassa Covid nelle bollette, protestano Codacons e Unione Nazionale Consumatori

Arriva la tassa Covid nelle bollette, protestano Codacons e Unione Nazionale Consumatori

Arriva la tassa Covid nelle bollette, Codacons e Unione Nazionale Consumatori protestano per la misura che va ad aumentare gli oneri di sistema per finanziare le agevolazioni a chi non può pagare.

0
287
tassa covid

TARANTO – Arriva la tassa Covid nelle bollette, Codacons e Unione Nazionale Consumatori protestano per la misura che va ad aumentare gli oneri di sistema per finanziare le agevolazioni a chi non può pagare. La manovra è prevista in uno dei tanti emendamenti del Decreto Rilancio e sta sollevando diverse polemiche. L’aumento degli oneri di sistema sulle bollette di luce e gas è stato firmato dai deputati Manzo del Movimento 5 Stelle e da Raciti del Partito Democratico.

Tante le proteste per la tassa Covid nelle bollette

Il Codacons ha già fatto sentire la sua protesta e ha detto di essere completamente contro questa manovra che scarica il compito che tocca allo Stato di sostenere la popolazione bisognosa sui cittadini. Se questo emendamento viene approvato l’associazione ha detto che gli italiani pagheranno bollette più alte. In questo modo, i ribassi assicurati dal calo del petrolio verrebbero vanificati. La tassa Covid nelle bollette occulta graverebbe sulle fatture di energia elettrica della popolazione facendo aumentare i costi in maniera notevole. Ecco che a questo punto le bollette non subirebbero alcuna modifica e si tratterebbe di un vero e proprio danno ai consumatori.

I consumatori pagherebbero bollette più salate

Il Codacons sostiene che il Governo dovrebbe invece eliminare o ridurre notevolmente gli oneri di sistema per tutto il 2020, così da alleggerire le bollette energetiche. Da questi oneri vengono finanziati diversi settori, in quanto moltissime famiglie hanno subito una drastica riduzione del reddito a causa del coronavirus. Sono in molte a non poter più fronteggiare le spese domestiche e aumentare gli oneri non avrebbe alcun senso. Dello stesso parere è l’Unione Nazionale Consumatori, che ha definito vergognoso l’emendamento firmato dai due deputati.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui