Il Comune di Maruggio abolisce la plastica nelle mense scolastiche
Fonte web: pagina fb

MARUGGIO – E’ stato presentato dal Sindaco Longo il nuovo progetto che permetterà di dire addio all’utilizzo della plastica.

Si chiama:

“Scuola Plastic Free”

e sarà davvero una rivoluzione per le mense scolastiche che fin ora hanno fatto un uso spropositato di piatti, bicchieri e posate in plastica e naturalmente di bottiglie per l’acqua da bere.

Davvero un’iniziativa che dimostra civiltà e voglia di cambiamento che ci auguriamo sia presa da esempio da tutti i comuni del territorio.

L’iniziativa di Maruggio rientra nel programma “Rifiuti Zero”.

Lo scorso anno è stato approvato dal consiglio comunale il programma che prevede l’abolizione della plastica che verrà sostituita da altro materiale nel rispetto dell’ambiente, in linea con le politiche ambientali a basso impatto inquinante.

Il materiale da utilizzare al posto di carta e plastica, come prevede il progetto promosso dall’Sssessorato alla Pubblica Istruzione guidato da Mariangela Chiego, sarà lavabile e riutilizzabile.

Si tratta di posate in acciaio inox, piatti e bicchieri in melammina, tovagliette e brocche riempite con l’acqua del rubinetto. Tutti i giorni, questo materiale verrà igienizzato e riutilizzato.

In questi giorni, il sindaco Alfredo Longo, assieme all’Assessore all’Ambiente e Ecologia, Giovanni Maiorano, si è recato presso l’istituto comprensivo “T. Del Bene” e ha presentato il progetto agli alunni più piccoli per trasmettere loro quel senso di amore e rispetto nei confronti dell’ambiente.

Il primo cittadino spiega che si vuole raggiungere un duplice obiettivo: Migliorare la qualità dei pasti e ridurre l’impatto ambientale con l’eliminazione dei rifiuti non riciclabili. In questo modo si ha anche un risultato economico.

Il sindaco spiega che si desidera realizzare un “Servizio di refezione scolastica ecologicamente responsabile per formare alunni consapevoli e rispettosi dell’ambiente“.

Nella stessa iniziativa, rientra la raccolta del cibo avanzato nella mensa che, invece di essere gettato via, vine utilizzato per nutrire i randagi.

L’Amministrazione comunale per la realizzazione di questo progetto chiede il sostegno dell’ente civico e dell’azienda appaltatrice del servizio.

La Cooperativa Solidarietà e Lavoro ha dato la propria disponibilità e ha deciso di accogliere e sostenere il progetto “Plastic Free”.

Ci auguriamo che l’eliminazione della plastica dalle mense scolastiche sia adottata da tutte le cooperative che si occupano di refezione.