Patto territoriale a Martina, Castellaneta, Crispiano-Ginosa

Torna in auge il patto territoriale tra i comuni tarantini

martina franca piazza mario pagano

MARTINA FRANCA – Il comune di Martina Franca ha rilasciato un comunicato in cui spiega i punta salienti del patto territoriale tra i comuni in provincia di Taranto. Il piano era stato temporaneamente messo da parte, ma poi è tornato in discussione.

Martina Franca, il comunicato

“Il Comune di Martina ha ripreso, in qualità di soggetto responsabile, il “Patto territoriale Martina Franca, Castellaneta, Ginosa, Crispiano” che finanzia opere pubbliche e progetti di piccole e medie imprese con risorse non utilizzate dai precedenti patti territoriali. In un incontro di partenariato, tenutosi al Comune di Martina, è stato illustrato il bando del Ministero per lo Sviluppo Economico e i termini della partecipazione. All’incontro, coordinato dal Sindaco Franco Ancona, hanno preso parte i rappresentanti dei Comuni di Crispiano e Castellaneta, di Confindustria Taranto–Delegazione di Martina, Confcommercio, Confcooperative Taranto, Consorzio Interfidi e Camera di Commercio Taranto.”

Avviso di partecipazione a breve

“In questi giorni, il Comune di Martina pubblicherà l’avviso di partecipazione sottoposto alla presa d’atto della Giunta nella riunione tenutasi questa mattina. Ogni Patto territoriale potrà candidare un progetto pilota che potrà concorrere al finanziamento del Ministero dello Sviluppo Economico per un importo massimo di 10 milioni di euro. Il progetto-pilota prevederà interventi pubblici/privati per 9,5 milioni di euro e di 500mila euro per la gestione delle attività del patto e per diversi oneri. Di tale importo, 6,5 milioni saranno destinati alle opere pubbliche e 3 milioni a progetti per lo sviluppo delle imprese. Ogni singola impresa potrà ricevere un finanziamento massimo di 250mila euro, secondo il regime de minimis. Presto comincerà un’attività di informazione sui contenuti dell’avviso pubblico al fine di incentivare la presentazione dei progetti, soprattutto da parte delle imprese del territorio dei Comuni.” Così termina il comunicato rilasciato dalla casa comunale.

LEGGI ANCHE – Martina Franca: chiuso e sanzionato locale per lavoro a nero