Taranto: il dossier per la candidatura a Capitale della Cultura 2022

Taranto e i 12 comuni della Grecìa Salentina presentano la candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2022.

0
45
Capitale della Cultura 2022

TARANTO – Pronto il dossier per la candidatura di Taranto a Capitale della Cultura 2022. Lo slogan realizzato è “La cultura cambia il clima”.

L’intero dossier è frutto di una condivisione che unisce ben 12 comuni della Grecìa Salentina con un percorso che trova i suoi punti di contatto nelle tradizioni e nella storia. La partecipazione che era stata già predisposta a Marzo prima del Lockdown, viene così corredata di tutti i documenti necessari per la candidatura di Taranto a prossima capitale della cultura italiana.

Il sindaco Melucci ha commentato: c’è un’anima all’interno di questo dossier. Per noi questa è la “partita della vita”, perché certifica il movimento di una città che cerca e vede nella cultura e nei vari eventi un driver fondamentale per trasformare la sua immagine.

Inizialmente, i comuni della Grecìa Salentina erano in corsa da soli con iniziativa del sindaco di Castrignano dei Greci Roberto Casaluci e del sindaco di Sternatia Massimo Manera (presidente anche della Fondazione Notte della Taranta).

Alla fine però, come spiegato da Casaluci è stato pensato di allargare quest’approccio, rinunciando alla candidatura singola, e abbracciando insieme la visione di Taranto e la storia comune che la unisce ai 12 comuni della Grecìa Salentina, puntando anche sull’elemento ambientale oltre che culturale.

Il consigliere dell’Ambiente Rocco de Franchi ha commentato: se Taranto insieme ai comuni della Grecìa salentina saranno nominate Capitale Italiana della Cultura per il 2022, tutta la Puglia intera lo diventerà con loro.

Il dossier per la candidatura è stato diviso in vari ecosistemi condensati nel piano di transizione di Ecosistema Taranto, abbracciando storia, tradizione, arte, natura ed enogastronomia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui