Esito dell’autopsia sul corpo del giovane di Mottola

I risultati non evidenziano né segni di percosse, né di aggressione.

0
164

MOTTOLA – Resta ancora fitto il mistero sulla morte del giovane 32enne Domenico Bello, scomparso il 12 agosto e ritrovato cadavere.

I risultati dell’autopsia rivelano che la sua morte non è stata causata, nè da un’aggressione ne da percosse, quindi si dovrà attendere ancora per avere delle risposte sulla misteriosa morte del giovane.

L’esito degli esami sul corpo eseguiti dal professor Antonio De Donno, presso l’istituto di Medicina Legale di Bari e nominato dalla procura di Taranto, aumenta ulteriormente il mistero di quello che è successo.

L’esame autoptico, sarà presto integrato con le analisi istologiche e tossicologiche, che si spera possano fare luce sulla morte del giovane mottolese e dare delle risposte definitive.

Bisognerà attendere almeno un paio di settimane l’esito dei primi esami. Intanto nella giornata di domani, domenica 25 agosto, si terrà il funerale presso la Chiesa del Sacro Cuore.