A Taranto accordo tra Università di Bari e Lega Navale per la tutela del mare

Lo scopo è quello della tutela del mare e della biodiversità: l'accordo tra Università degli Studi di Bari e Lega Navale Italiana sarà siglato a Taranto venerdì 16 luglio.

tutela del mare

TARANTO – L’appuntamento è per le ore 15, nella Galleria Meridionale del Castello Aragonese di Taranto, venerdì 16 luglio: in questo momento sarà ufficializzato l’accordo tra l’Università degli Studi di Bari e la Presidenza Nazionale della Lega Navale Italiana “per la collaborazione didattico-scientifica su temi di interesse comune con particolare riferimento all’ambito marittimo”. A firmare l’accordo saranno anche il Magnifico Rettore dell’Università di Bari Stefano Bronzini e il Presidente della Lega Navale italiana, l’ammiraglio Donato Marzano.

Cosa prevede l’accordo per la tutela del mare

L’accordo, che sarà siglato a Taranto, prevede la promozione della cultura del mare tramite la collaborazione sulle attività formative e di ricerca sul tema della tutela ambientale e marittima, con focus particolare al basso Adriatico, così come all’alto Ionio e al Golfo di Taranto. Inoltre l’accordo sarà subito operativo. “I ricercatori del Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali dell’Università di Bari” saranno in grado di fornire ai osci diportisti della Lega Navale “gli strumenti conoscitivi per monitorare l’evoluzione del fenomeno dei rifiuti in superficie, dell’erosione costiera e nel contributo dell’avvistamento delle specie marine di interesse”.