Massafra: dal sindaco Quarto un nuovo aggiornamento COVID-19

Nel pomeriggio di ieri, 13 ottobre, Quarto ha annunciato l'incremento dei casi di positività da sei a tredici di cui un bambino che frequenta la scuola elementare

Sindaco Quarto Massafra

MASSAFRA – Ancora una volta il sindaco di Massafra Fabrizio Quarto torna ad aggiornare sull’emergenza Covid-19 con un videomessaggio.

Nel pomeriggio di ieri, 13 ottobre, Quarto ha annunciato l’incremento dei casi di positività da sei a tredici di cui un bambino che frequenta la scuola elementare.

Con dovizia di dettagli il primo cittadino massafrese ha spiegato la situazione: «Questo pomeriggio – ha esordito – ho contattato il dipartimento di Igiene e Sanità Pubblica della provincia di Taranto in ragione della necessità di effettuare un aggiornamento sui casi di positività al Covid del nostro territorio. Eravamo un po’ in controtendenza rispetto ai comuni limitrofi, purtroppo siamo entrati nella media passando da sei casi della settimana scorsa ai tredici casi di oggi. Tra questi è da segnalare un caso di un bambino che frequenta la prima elementare. Questa positività – ha spiegato – ha reso necessaria una interlocuzione con la preside Giuliana Deflorio del primo istituto comprensivo “De Amicis – Manzoni”. La preside, già attenzionata sulla vicenda da parte del dipartimento di Igiene e Sanità Pubblica, ha immediatamente e tempestivamente adottato tutte le misure necessarie attivando la didattica a distanza per la classe in questione che passerà dal 14 al 23 dalla didattica in presenza alla didattica a distanza con la sorveglianza sanitaria obbligatoria di coloro che sono coinvolti in questa vicenda. In più aggiungo – ha approfondito – che il bambino in questione faceva uso del servizio scuolabus per cui anche il comune ha dovuto sospendere, su indicazione dell’ASL, il servizio della linea E dello scuolabus (il servizio sostanzialmente che opera nel centro urbano). Per cui da domani – ha annunciato – il personale che era a disposizione di questo servizio, nonché i bambini che vi viaggiavano, saranno sottoposti anch’essi a sorveglianza sanitaria obbligatoria. Ovviamente – ha osservato – dobbiamo sperare che tutto ciò si risolva nei tempi più brevi possibili ma moltiplicare le nostre attenzioni perché, come abbiamo potuto notare in questi giorni, non v’è chi non possa rendersi conto che c’è la necessità di moltiplicare le attenzioni. Anche l’ultimo DPCM – ha ricordato – ci da la misura esatta di quanto la situazione possa aggravarsi e aggravarsi rapidamente per cui – ha chiosato – la sollecitazione è ancor di più, e ancora una volta, ad indossare i dispositivi di protezione ed in particolare la mascherina che può e deve essere lo strumento con il quale dobbiamo imparare a convivere per i prossimi mesi.»

Insomma la situazione è molto delicata per cui non si può e non si deve abbassare la guardia.

Mariella Eloisia Orlando