Mini crociere a Taranto, alcune idee per esplorare dal mare la città

Fare delle mini crociere a Taranto è la soluzione ideale per esplorare le bellezze della città e i suoi dintorni. Ecco alcune idee.

0
918
Mini crociere a Taranto
Fonte web: Eolian STAR

TARANTO – Scoprire le bellezze architettoniche, paesaggistiche e naturali con delle mini crociere a Taranto è la soluzione migliore per esplorare al meglio questa bellissima città. Infatti, in questo modo è possibile visitare la città dal mare e guardarla da un’altra prospettiva. La città vanta ancora oggi le influenze del suo passato di colonia spartana e proprio per consentire ai turisti e a chiunque voglia visitarla l’Amat, azienda municipalizzata di trasporto pubblico, da settembre 2018 ha deciso di rendere possibile questa nuova esperienza tra i due mari di Taranto.

Due motonavi disponibili per le mini crociere a Taranto

A rendere possibile le mini crociere a Taranto sono le due motonavi messi a disposizione dall’Amat, che si chiamano la Clodia e l’Adria. Grazie ad esse è possibile fare traversata del mar Grande e dei due seni del Mari Piccolo in circa un’ora e mezza: l’esperienza è bellissima ed emozionante. Durante il tour si costeggiano la città nuova ed il Borgo antico di Taranto in cui spicca il famoso Ponte girevole dominato dal maestoso castello Aragonese. LO spettacolo è garantito anche grazie alla vista della flotta dei pescherecci colorati e delle cupole delle antiche chiese, partendo dalla cattedrale di San Cataldo fino ad arrivare alla trecentesca chiesa di San Domenico. Tra le varie tappe del tour ci sono le isole Cheradi nel mar Grande, dove alla fine del Settecento Napoleone fece costruire il forte intitolato a Pierre Choderlos de Laclos per proteggere la città.

L’escursione con le mini crociere a Taranto

Con le mini crociere a Taranto è possibile fare escursioni nell’Oasi Palude La Vela situata nel Mar Piccolo, in cui abitano indisturbati aironi cenerini, garzette e cormorani, meta di varie specie migratorie tra cui fenicotteri e cavalieri d’Italia. Attraverso il Mar Piccolo si giunge alla foce del Galeso e ai citri, sorgenti sottomarine che riscaldando l’acqua favoriscono la coltivazione dei mitili.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui