Taranto: una guida completa per visitare la città

Città stupenda, Taranto è tutta da scoprire. Ecco tutto ciò che devi sapere: storia, territorio, quando andare, come muoversi e arrivare, cosa mangiare, cosa visitare e cosa fare

0
294
Taranto, case a 1 euro per evitare lo spopolamento

Taranto e il suo territorio

Nota per il Golfo omonimo sul mar Ionio e per il suo territorio pianeggiante, Taranto si estende su tre penisole naturali e un’isola artificiale. Quest’ultima rappresenta il nucleo originario della città, il cosiddetto borgo antico.

Conosciuta anche come la Città dei due mari perché a cavallo fra il Mar Grande e il Mar Piccolo, si affaccia sul Mar Ionio ed è situata a 15 metri sul livello del mare. La città è sede di un grande porto industriale e commerciale e di un importante centro industriale.

La conformazione geografica e le eccezionali risorse hanno favorito attività come la pesca, ma le zone nell’entroterra sono dedite all’agricoltura ed alla pastorizia, che danno vita a prodotti di qualità.

Il terreno pianeggiante e a tratti collinoso, le correnti calde provenienti dal Mediterraneo e quelle fredde che arrivano dal nord garantiscono a Taranto un clima mite tutto l’anno.

Un po’ di storia

La storia di Taranto ha origini antichissime e pare il primo nucleo venne fondato da coloni provenienti da Sparta verso la fine dell’VIII secolo a.C. e prese il nome greco Ta’ras. Presto divenne un florido emporio commerciale e una delle città più importanti della Magna Grecia.

Conquistata dai romani prima nel 272 a.C. e per la seconda volta nel 209 a.C. venne devastata a e saccheggiata e trasformata in colonia. Dominata dai barbari e a lungo contesa fra Longobardi e Bizantini, si rialzò sotto i Normanni, che ne fecero un principato fra il XIV e il XV secolo.

Dal 1502 cadde in mano agli Spagnoli, poi nel XVII secolo sotto i Borbone e nel 1860 venne unita al Regno d’Italia.

Come muoversi e arrivare

Arrivare a Taranto è facile, per chi viene in auto da Nord basta imboccare la A14 Bologna-Taranto e prendere l’ultima uscita Taranto Nord. Da sud è sufficiente imboccare la A16 Napoli-Canosa. In treno si giunge in città con tutte le linee che passano dalle città principali.

L’aeroporto più vicino è Grottaglie distante 20 Km dalla città, ma in alternativa si può atterrare all’aeroporto di Brindisi Casale, o Bari Palese, distanti circa un’ora di auto.

Specialità culinarie imperdibili

Fra le specialità tarantine che fanno parte della tradizione ve ne sono alcune assolutamente da degustare. Fra queste vi sono le pettole di Santa Cecilia, che vengono preparate durante le festività natalizie, appunto nel giorno di Santa Cecilia. Si tratta di soffici nuvole di pasta fritta gustose, da mangiare calde e cosparse di zucchero.

Altro vanto della città sono ostriche e cozze, ma anche i salumi tra cui il capocollo di Martina Franca sono prodotti dal sapore unico. Anche la pasta rientra nelle specialità della provincia tarantina, in particolare le Chiancaredde, note anche come orecchiette tarantine, fatte rigorosamente in casa e da condire con le cime di rapa.

Dove mangiare a Taranto

La gastronomia tarantina riserva delle vere prelibatezze e sono tanti i ristoranti della città dive degustare ottimi piatti. Per mangiare pesce di qualità eccellente ad un prezzo buono indicata è la Trattoria del Pescatore, location dove poter mangiare crudo di mare pugliese freschissimo proveniente dalla pescheria di proprietà attigua al ristorante.

A La Pignata qualità e cortesia sono di casa, il ristorante in centro offre piatti della tradizione come le mitiche orecchiette fatte a mano e i cazun alla tarantina. Altro locale dove si mangia di gusto e in un’atmosfera d’altri tempi è La Locanda, ristorante dove degustare pesce eccellente.

Per gustare dell’ottima carne un ristorante consigliato è Il Re Della Brace a Pulsano, dove degustare carni eccellenti in un contesto davvero speciale.

Dove dormire a Taranto

La città vanta strutture di ogni tipologia e trovare una sistemazione adatta alle proprie necessità è abbastanza facile. Per chi vuole pernottare in centro gode di ottima posizione il Bed & breakfast La Nassa, dotato di tutti i comfort e anche di una terrazza dalla quale godere lo scenario circostante.

Altrettanto comoda e confortevole è Suite Le Perle, una struttura sempre in centro vicinissima a numerose attrazioni e molto apprezzata per la sua eleganza. A Pulsano sin trova invece il bellissimo residence Villa Colonna, che offre sistemazioni arredate con gusto e con una piacevole veduta panoramica.

Ampia è anche la scelta di agriturismi, situati nelle località vicine a Taranto. Fra questi vi è l’Agriturismo Madonna Dell’Arco che si trova a Martina Franca, una dimora storica risalente al XVII secolo, dove scegliere fra diverse soluzioni nei trulli per un soggiorno indimenticabile.

Cosa vedere e cosa fare a Taranto

Taranto è una città di fascino, sia per la posizione che per i tanti tesori che possiede. Il canale navigabile che collega il Mar Piccolo e il Mar Grande divide l’isola del Borgo Antico dalla penisola del Borgo Nuovo. Le due zone sono unite dal ponte di San Francesco di Paola, noto come Ponte Girevole, un’opera imponente e maestosa, lunga quasi 90 metri.

Nel borgo antico si può ammirare il castello Aragonese, simbolo della città, realizzato per volere di Ferdinando d’Aragona. Altra meraviglia è la cattedrale intitolata a San Cataldo, rimaneggiata più volte nel corso dei secoli, ma da non perdere sono anche il Palazzo Episcopale e il Museo Diocesano di Arte Sacra.

Altre tappe imperdibili sono il Tempio Dorico, noto come il Tempio di Poseidone, Palazzo Galeota e la Chiesa di San Michele. Molto interessanti sono i siti della Taranto sotterranea, fra cui la Tomba degli Atleti, una camera funeraria che contiene sette sarcofagi disposti lungo le pareti e con un’anfora al centro.

Il Borgo Nuovo vanta uno dei musei archeologici più importanti d’Italia, il MARTA, che custodisce manufatti antichi risalenti alla Magna Grecia. Tappa d’obbligo è al Lungomare Vittorio Emanuele III, che consente di scoprire il meraviglioso mare di Taranto.

Suggestiva è la Rotonda del Lungomare, mentre per avvicinarsi alle acque è possibile scendere le gradinate e raggiungere la riva. Da visitare anche il Palazzo de Beaumont sito in Corso Vittorio Emanuele II, al cui interno si trova il Museo Spartano di Taranto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui