Se hai questo televisore non puoi più usare il digitale terrestre: ecco quale

Statisticamente il 20° secolo è stato il compendio di decenni dove la comunicazione ha cambiato in modo più rilevante il proprio concetto e la propria diffusione grazie anche a mezzi come la televisione. Il televisore costituisce oggi, e da molti anni, ben più di un elettrodomestico, avendo rivoluzionato il concetto stesso di informazione ed  intrattenimento, anche in pieno 21° secolo l’idea di TV pur essendo stata rivoluzionata, ha permesso una nuova identità dello strumento. Il televisore moderno richiede una particolare tecnologia, se questa manca il digitale terrestre non risulta essere funzionante.

La diffusione culturale della TV è stata talmente evidente e “pesante” che la diffusione “necessaria” del digitale terrestre, di fatto iniziata con il nuovo secolo, ha portato anche un po’ di difficoltà nell’adattamento.

Quale televisore risulta essere effettivamente non compatibile con il “nuovo digitale terrestre”?

Se hai questo televisore non puoi più usare il digitale terrestre: ecco quale

televisore digitale terrestre

Il Digitale Terrestre corrisponde ad una tecnologia oggi diffusa in buona parte delle nazioni che godono di un sufficiente apporto e copertura di tipo televisiva: fin dagli inizi degli anni 2000 sono stati concepiti disegni di legge appositi per cambiare il tipo di segnale da analogico a digitale attraverso un cambio strutturale dei ricevitori, che hanno portato allo stesso tempo anche alla necessità da parte dei cittadini di munirsi con un dispositivo compatibile con il nuovo standard.

Questo è avvenuto formalmente in un processo che è durato una decina di anni, ed è terminato nel 2012, anno in cui tutti i televisori attivi e funzionali nel contesto italiano hanno dovuto adeguarsi tecnologicamente al segnale, oppure essere affiancati da un decoder dotato di tecnologia DVB-T.

Tuttavia un nuovo “step” che ha portato verso la seconda generazione del digitale terrestre è stato necessario negli ultimi anni, anche questo è stato ultimato, seppur in tempi molto recenti: dal 22 dicembre 2022 infatti tutti i dispositivi, TV oppure decoder devono presentare la dicitura DVB-T2, che definisce la compatibilità con il sistema MPEG-4.

Tutte le TV ed i decoder venduti dalla fine del 2020 sono stati già adattati a questo tipo di standard, così da essere preventivamente compatibili con il nuovo digitale terrestre, ma ancora oggi è possibile fare un test molto semplice, per verificare la compatibilità con il DVB-T2: dopo aver effettuato la ricerca dei canali, bisogna “spostarsi” sul canale 200 in uqesto modo sullo schermo dovrebbe apparire la scritta “Test Hevc Main10” che certifica la presenza di una compatibilità.

In caso contrario è necessario sostituire il televisore o in alternativa aggiungere un decoder compatibile con il DVB-T2.

Lascia un commento

POTREBBE INTERESSARTI
Cambia impostazioni privacy