Taranto: arriva il robot da Vinci per la chirurgia mininvasiva

Il Direttore della ASL di Taranto Gregorio Colacicco ha commentato: il nuovo sistema robot Da Vinci arricchisce il nostro territorio.

chirurgia mininvasiva

TARANTO – Giunto il nuovo sistema robotico da Vinci, già collaudato, pensato per la chirurgia mininvasiva.

Con questa nuova piattaforma il chirurgo gestisce l’intervento attraverso una console mentre le braccia robotiche sono in grado di operare con una precisione massima. Si possono eseguire con questo sistema diversi interventi di chirurgia generale, ginecologia, urologia, chirurgia toracica e anche di cardiochirurgia.

Il robot e il materiale di consumo necessario per 5 anni richiede 9 milioni di euro che sono stati stanziati da un accordo tra Regione Puglia e Ministero della Salute.

Il robot permette di superare i limiti della chirurgia tradizionale. Prevede una visione tridimensionale ad alta definizione e un sistema di gestione intuitivo.

Questa tecnologia supera anche la laparoscopia e prevede delle piccole porte d’accesso con strumenti miniaturizzati che sono posti alle estremità e replicano con esattezza i movimenti delle dita della mano del chirurgo eseguendo procedure complesse con la un’accuratezza maggiore.

Grazie al sistema di feedback audio e video permette al personale della sala operatoria di ricevere degli aggiornamenti completi sullo stato di salute e sistema del paziente. 

Con il sistema da Vinci Xi IS4000 è possibile una perdita di sangue minore durante l’intervento, una riduzione del ricorso a trasfusioni e una degenza ospedaliera più breve, inoltre garantisce una maggiore efficacia dei tessuti.

Il Direttore Generale ASL Taranto, Gregorio Colacicco, si tratta di un arricchimento per il territorio e per l’ASL. L’obiettivo è ridurre la mobilità passiva e il disagio per i pazienti di doversi spostare per delle cure migliori.