Intestino pigro: cos’è e come curarlo, i rimedi più efficaci

Come combattere contro l’intestino pigro e quali sono i rimedi più efficaci per svolgere regolarmente le proprie funzioni fisiologiche.

intestino pigro

Intestino pigro: cos’è e cosa comporta? C’è chi ne soffre solo in alcuni casi, come ad esempio quando è in vacanza o si trova lontano dal comfort della propria casa (e del proprio bagno), oppure quando si ritrova in particolari situazioni di tensione e stress. Per altri invece è un problema praticamente cronico, visto che avviene tutti i giorni. Quali sono i rimedi più efficaci per svolgere regolarmente le proprie funzioni fisiologiche? Cosa bisogna mangiare per aiutare il nostro intestino a lavorare al meglio in tutte le situazioni e in tutti i luoghi?

Intestino pigro cos’è

Cos’è l’intestino pigro? Di cosa parliamo esattamente? La terminologia è emblematica, di fatto, e non nasconde proprio nulla a riguardo. Si parla di intestino pigro quando c’è una sorta di rallentamento nel transito intestinale e dunque del processo digestivo, con ovvie conseguenze sulla capacità di evacuazione. Nella maggior parte dei casi l’intestino pigro, che colpisce specialmente le persone anziane e le donne, si cura modificando leggermente le proprie abitudini alimentari e lo stile di vita, mentre in altri casi può essere un campanello d’allarme per patologie di cui si è ignari.

Intestino pigro cause e sintomi

Intestino pigro sintomi e cause: quali sono? Partiamo dai sintomi: questi possono ricondurre a un senso di nausea, al gonfiore addominale e al dolore durante l’atto dell’evacuazione. Anche dopo aver espletato le proprie funzioni fisiologiche, i problemi potrebbero non essere risolti, soprattutto se si sente che l’operazione non è stata completamente e definitivamente compiuta. Un altro sintomo frequente dell’intestino pigro è l’alitosi, soprattutto al momento del risveglio. Questi sono generalmente i sintomi più lievi, mentre in altri casi (che potrebbero celare alcune importanti criticità) si potrebbe incappare in disturbi più evidenti, come emorroidi sanguinanti, ragadi anali, diverticoli e cistiti (frequenti particolarmente tra le donne).

A ogni modo la criticità di questo evento si evidenzia particolarmente quando non esistono cause alla base del loro insorgere (soprattutto stress e tensione, oppure un’alimentazione scorretta) e quando compaiono anche sintomi più insoliti e fonte di timore, come sangue nelle feci, dolore addominale e febbre. In questi casi è sempre bene rivolgersi immediatamente al proprio medico di fiducia.

Quanto sopra detto, infatti, riconduce anche alle cause del cosiddetto intestino pigro. Generalmente, nei casi lievi, laddove il fenomeno è sporadico e occasionale, i motivi possono essere stress, tensione, ansia, ma anche mancanza di attività fisica o abitudini alimentari scorrette. Altre cause sono la mancanza di idratazione, uno stile di vita troppo sedentaria o un abuso di farmaci. Nei casi più gravi, invece, le cause possono ricondurre alla presenza di patologie più serie che colpiscono il tratto enterico.

Intestino pigro cosa mangiare

Intestino pigro rimedi: quali sono? Come andare di corpo e regolare intestino? Come abbiamo visto una delle cause di intestino pigro può essere ricondotta a delle abitudini alimentari scorrette, pertanto è meglio assumere una dieta equilibrata, ricca di fibre soprattutto, che sono contenute nelle verdure (un’insalata di cavoli e carote può essere l’ideale), ma anche e soprattutto in legumi (fagioli, ceci, fave) e cereali. Un altro accorgimento assolutamente da seguire consiste nel bere molta acqua almeno 1 litro e mezzo, o di più se non si consuma adeguatamente frutta e verdura): anche lo yogurt è un alimento che può essere di aiuto.

Anche frutti secchi come le prugne secche o i fichi secchi, visto il loro elevato contenuto di fibre, possono supportare una buona digestione. Altra raccomandazione importante riguarda il modo di mangiare: masticate bene ogni alimento in modo tale da facilitare il processo digestivo.

Intestino pigro cibi da evitare

Quali cibi vanno evitati? Si raccomanda di limitare il consumo di riso, banane e limone, così come i cibi grassi.